Mostra fotografica “600.000 NO”: il Martinetti di Caluso commemora i soldati italiani internati nei lager nazisti - Martinetti News - Liceo Piero Martinetti Caluso

Vai ai contenuti

Menu principale:

Mostra fotografica “600.000 NO”: il Martinetti di Caluso commemora i soldati italiani internati nei lager nazisti

Pubblicato da Sara Savoia in Progetti · 10/2/2018 10:07:00
Mostra storica presso l’I.I.S. Martinetti di Caluso: in occasione delle commemorazioni dedicate alla Giornata della Memoria, è stata allestita una mostra fotografica dal titolo “600.000 NO – La Resistenza dimenticata”, dedicata alla Resistenza degli Internati Militari Italiani presso i lager nazisti.
Dal 29 gennaio al 9 febbraio lo spazio espositivo Marti, situato al piano terra dell’Istituto, ha ospitato i pannelli raffiguranti le fotografie segretamente scattate da un soldato italiano prigioniero del campo di concentramento di Sandbostel, in Germania, tra il 1943 e il 1945. Gli studenti di 12 classi hanno quindi avuto l’occasione di visionare queste significative testimonianze di un doloroso capitolo della recente storia italiana. Supportati dalle spiegazioni del Sig. Giancarlo Tagliati, che ha raccolto ed organizzato i materiali per conto dell’A.N.P.I., gli allievi hanno affrontato un viaggio sul filo della memoria, attraverso le storie drammatiche e spesso avventurose dei soldati italiani vittime delle conseguenze dell’Armistizio.
Al termine della mostra, il Sig. Tagliati ha inoltre mostrato una propria ricostruzione di “radio Caterina”, un dispositivo radiofonico fortunosamente costruito dagli internati con materiale di recupero, impiegato per conservare, anche all’interno dell’orrore del lager, un contatto con il fronte Alleato e mantenere viva la speranza. Il materiale esposto sarà inoltre oggetto di uno speciale televisivo trasmesso sul canale RaiStoria.
La mostra ha rappresentato un’opportunità di commemorare la tragedia delle deportazioni da un punto di vista inconsueto, attraverso la testimonianza di un evento che ha riguardato direttamente numerose famiglie italiane: uno spunto per ricordare, riflettere e imparare.






Voto: 0.0/5
Torna ai contenuti | Torna al menu